CAROBBIO DEGLI ANGELI – Stefano, miglior sommelier d’Italia: “Il vino è come la musica. Non stappo solo bottiglie ma le racconto”

125

Stefano Berzi è ancora emozionato, il riconoscimento di miglior sommelier d’Italia 2021 è il coronamento di un sogno che arriva da lontano. Stefano, titolare dell’Hosteria del Vapore di Carobbio degli Angeli, fa parte della delegazione di Bergamo, ed è stato eletto a Bologna a conclusione del 54esimo congresso nazionale dell’Associazione italiana sommelier (Ais).

Più che un traguardo direi che è un punto di partenza – spiega -. Tutto è partito una decina di anni fa, avevo 19 anni, ero seduto ad ascoltare i relatori, studiavo, è stato un percorso lungo e che ha richiesto tanti sacrifici… miei e di chi mi ha dato la possibilità di studiare. Sono cresciuto in osteria e quindi bevevo vino anche prima di iniziare questo percorso, ma con una coscienza diversa rispetto a quella attuale. Il primo corso AIS risale al 2013, ma ho iniziato a servire il vino in modo diverso dopo il 2015”.

Cosa rappresenta per te il vino? “Il vino è storia, cultura, racconto, fatica e per me è una bellissima passione”.

Il tuo vino preferito? “Dipende da tanti fattori, non ce n’è uno in particolare. Il vino è come la musica, ti capita di ascoltare canzoni in base a come ti senti. Lo stesso succede con il vino, la scelta varia a seconda di chi hai di fronte, della fase della vita che stai attraversando, da come stai e ovviamente dipende anche quello che stai mangiando. Ti direi che in un clima festoso sceglierei un Trento doc, se sto mangiando una bistecca invece sceglierei un grande rosso”.

SUL NUMERO IN EDICOLA DAL 17 DICEMBRE

pubblicità