CAROBBIO DEGLI ANGELI – Stefano e la storia dell’‘Hosteria del Vapore’ nel Castello dei Conti Suardo (del 1100): “Ho iniziato a 8 anni a fare i caffè…”

27 anni, il terzo gradino del podio nel concorso che ha decretato il miglior sommelier d’Italia, la passione per il vino e la ristorazione che arriva da lontano, che si legge negli occhi e si respira nelle parole. Stefano Berzi gestisce l’‘Hosteria del Vapore’ a Carobbio degli Angeli insieme a mamma Monica, Maitre di sala e chef, e papà Giampaolo, sommelier, chef e Maestro assaggiatore di formaggi. Gli spazi della sua Hosteria, attività storica riconosciuta nel 2015 da Regione Lombardia, profumano di piatti che deliziano il palato dei clienti e allo stesso tempo sono intrisi di tutta quella storia disegnata dalle cinque generazioni della famiglia Berzi, quando il suo trisnonno aprì queste porte per la prima volta. Ad ospitare l’Hosteria del Vapore è lo storico Castello dei Conti Suardo, che risale al 1100 ed è stata per molti anni adibita a biglietteria. “Perché qui c’era la biglietteria ed era una sosta intermedia del primo tram a vapore che collegava Bergamo con Sarnico, che qui caricava acqua e carbone. Ecco perchè è stato scelto questo nome, di cui ancora c’è la vecchia insegna”, spiega Stefano…

SUL NUMERO IN EDICOLA DA VENERDI’ 20 DICEMBRE