Buon Natale gente

(p.b.) E’ stato un anno terribile. Le musiche e le luci di Natale cercano di rasserenarci, un tirare il fiato, una sorsata di speranza guardando all’anno che verrà che ci auguriamo non sia la continuazione di questo 2020 con le stesse tragedie. A tavola abbiamo in tanti, troppi, sedie vuote silenziose, quando avremmo bisogno di risate, del ritrovarci, dell’abbracciarci, di augurarci il bene che si è perso chissà dove. Il nostro è un augurio di rinascita vera, uno stemperare le rabbie per ritrovare l’unità che abbiamo avuto nella disgrazia, senza la paura, solo il sentirci comunità che cerca di vivere e non si rassegna a sopravvivere. Buon Natale, gente.

(quadro di Angelo Celsi per Araberara e poesia di Etta Bonicelli)

Ol presepio

Etta Bonicelli

Üna óltå ol presepio sla fàå sö ‘n tüte li ca

l’albero no, l’érå ü laùr de Pagà.

L’asiprét ‘n céså ‘lla disìå:

‘Me de piante öe èden mìå,

l’è ‘l presepe ol segn de nóter Cristià

dinàs a chèl lè löc pregà’

 

Prìmå de mètes in àndå

s decidìå se fal en curidùr, ‘n cusìnå o ‘n veràndå.

Dopo spasàå sübit al prugèt

la capànå ‘ndùe ‘na met?

En mès, dinàs o dedré?

Bàstå che sla ède be!

Col muschio che s’eå fat sa

apénå  prìmå che ‘l tachés a fiucà

s fàå sö ü bel pascol ‘mpo pià ‘mpo rat.

Per ol  laghèt n ghéå la càrtå dol ciuculàt,

‘n ghéå la scórså per la capànå

la càrtå marù per la muntàgnõ,

ol cartù per la stèlål con trei cùe

le do l’Oriente m’è che la rüe…

 

Ol mumént che me faå piö piasér

l’erå tra gió li statüine dol sulér,

piegàde’nda càrtõ de giurnàl

l’érå ‘mpo che li spetàõ ‘l Nedai.

An dopo an g’érå semper precìse

gia cunsideràe mei amise.

G’érå fade sö de gèss

argüne g’érå sòpe, ma li ‘ndàa be istèss…

Gh’érå la funnasìnå coi pom ndi ma

a San Giósep la già purtarà,

Isì gh’érå la egiasinå coi öf ndü cistì

per ridàgå li forse a la mamå dol Bambì.

Poc delòns mitiró chèl che fàå la puléntå

e che mai ol rèstàå sénså.

Àrdå che ol caretér sö l’asnì!

Do la bùrså le spìå fò ü pegurì.

Ol gh’érå ‘l pasturèl che dórmìå slungàt

col so fugatì semper ‘mpiàt.

Pò ün óter pastùr che’ l gh’eå de sta ‘mpe

ma ‘l bùrlàå gìo trentå olte al de.

Tire fò la tùså col basgiòt de lat apénå mulsìt

la gh’el purtarà al picinì apénå nasìt.

Ardèl ché chèl chè ‘l salüdå co la ma

Salüdaràl po chi? No sla sa…

La Madónå, San Giösep è ‘l Bambì

ge det ensèmå ‘ndü scartusì.

Se i ghe mìå lur ol presepio spöl mìå fal,

sénså de lur l’è mìå Nedal…

G’è tànci i sintér che a a la Natività,

g’è tücc traciàcc do la carità.

‘N font, ‘nsìmå a ü muntunsèl,

ol ghe ‘lli bele ca e pa ü castel.

Argu che sta lé, i spìå gio do l’olt

‘Che fòså gh’el gìo tüt chel reólt?’

‘Perche l’é  nasit ü bambino

che l’è gna dè che, lé ü clandestino…

Che ol se töe fo prest di pe,

noter on se zet perbé.’

 

‘Ntat ndi brasì spalancàcc  ol Bambì

ol met det chi delóns e chi isì

Lü ol met det tücc quancc

bràe, catif,  picinì e grancc.

A tücc ol m’a purtàt l’amur

perchè lü l’è ‘l nos Signur.

 

 

TRADUZIONE

Una volta Il presepio si faceva in tutte le case

l’albero no, era una cosa da Pagani.

L’arciprete in chiesa diceva:

“Io di piante non ne voglio vedere,

è il presepio il segno di noi Cristiani

davanti al quale bisogna pregare.

Prima di mettersi in opera

si decideva se farlo in corridoio, in cucina o in veranda.

Poi si passava subito al progetto

La capanna dove la metto?

In mezzo, davanti o dietro?

Basta che si veda bene!

Col muschio che si era raccolto

prima che cominciasse a nevicare

si faceva un bel pascolo, un po’ piano e un po’ ripido.

Per il laghetto si aveva la carta di cioccolato,

la carta marrone per le montagne,

il cartone per la stella con tre code

lei da Oriente doveva arrivare.

 

Il momento che più mi piaceva

era togliere statuine dal solaio,

piegate nella carta del giornale

era un po’ che aspettavano Natale.

Anno dopo anno erano sempre precise

le consideravo mie amiche.

Erano fatte di gesso

alcune zoppe ma andavan bene lo stesso.

C’era la donnina con le mele in mano

a San Giuseppe le avrebbe portate.

Vicino c’era una vecchietta con le uova nel cestino

per ridare le forze alla mamma del Bambino,

Poco lontano si metteva quello che faceva la polenta

e che mai restava senza.

Guarda qui il carrettiere sull’asinello!

Dalla borsa spiava fuori un agnello.

C’era il pastore che dormiva allungato

col suo focherello sempre acceso,

Poi un altro pastore che doveva stare in piedi sì,

ma cadeva giù trenta volte al dì.

La Madonna, San Giuseppe e il Bambino

erano insieme nel cartoccino.

Se non ci sono loro il presepio non si può fare

senza di loro non è Natale…

Sono tanti i sentieri che vanno alla Natività

tutti son tracciati della carità.

In fondo, in cima a un monticello

ci sono belle case e anche un castello.

Qualcuno che abita lì, spia dall’alto

‘Come mai c’è tutta quella confusione?’

‘Perché è nato un bambino

che non è neppure di qui, è un clandestino.

Che si tolga presto dai piedi

noi siamo gente per bene!

Intanto nelle braccine spalancate

il Bambino mette chi è lontano e chi è vicino

lui mette dentro tutti quanti

bravi, cattivi, piccini e grandi.

A tutti ha portato l’amore

perché lui è il nostro Signore.