BOARIO di GROMO – I ragazzi che hanno raccolto l’eredità dell’indimenticabile sagrestano Tino: “Facciamo quello che ci ha insegnato, non vogliamo deluderlo”

Le campane della parrocchiale sono cinque, e ancora si suonano a mano, come una volta; perciò loro all’appuntamento non mancano mai, anche se si devono alzare un po’ prima perché l’Ave Maria del mattino va suonata alle 7,30 e poi bisogna affrettarsi al pulmino che li porta a scuola nel capoluogo. Loro, i “magnifici cinque”,  sono Michele, Daniele, Cristian, Mattia e Dante e con la guida del più grande, Cristian, che in questi giorni è impegnato negli esami di terza media, sostituiscono egregiamente l’indimenticabile sagrestano del paese, il Clemente Olivari detto Tino, che al servizio della chiesa aveva dedicato tutta la sua vita andando e venendo a piedi ogni giorno dagli Spiazzi dove abitava, ‘partito’ ancor giovane per il Paradiso, qualche mese fa, per andare a suonare con gli Angeli.  “Tino ci ha lasciato un grande vuoto – dicono unanimi Cristian e Michele , entrambi chierichetti che già gli davano una mano nella cura della chiesa – senza di lui eravamo rimasti un po’ spaesati e per un po’ delle campane si è occupato un signore di qui. Poi però abbiamo pensato che potevamo farcela anche da soli, del resto il Tino ci aveva insegnato benissimo come si deve fare…. Qui a Boario siamo in pochi, anche gli adulti si danno da fare in tanti modi per la cura della chiesa, potevamo fare la nostra parte anche noi, no?”…

SUL NUMERO IN EDICOLA DA VENERDI’ 28 GIUGNO