BERGAMO L’ACQUIRENTE FAVORITO è OVVIAMENTE L’ATALANTA Lo stadio: in vendita per 7,8 milioni Contrario il centrodestra: “Troppo poco”

137

Un modo utile per fare cassa in tempi di vacche mare o una svendita al miglior (e unico) offerente? Mancano ancora alcuni passaggi, ma lo stadio comunale di Bergamo sembra ormai destinato nel giro di pochi mesi a diventare di proprietà dell’Atalanta, e sull’operazione il dibattito politico si infiamma. Nelle scorse settimane è arrivata una novità importante: la società milanese Avalon Consulting, che Palafrizzoni aveva incaricato della perizia della struttura, ha valutato l’impianto 7,8 milioni di euro. A questo punto il Comune potrà procedere con il bando pubblico per l’acquisto, atteso entro l’anno. Unico – a quanto pare – soggetto interessato ad accaparrarsi lo stadio è l’attuale e principale (c’è anche l’Albinoleffe) inquilino, un’Atalanta pronta a mettere sul piatto tra i 25 e i 30 milioni complessivi per una riqualificazione dell’area che, alla lunga, non potrà che portare grossi vantaggi per le casse della società di patron Percassi. L’obiettivo è quello di concludere entro il 2020 il restyling di quello destinato ad essere il primo vero e proprio stadio di proprietà di una società calcistica italiana (Juventus e Udinese sono in condizioni simili, ma stanno usufruendo di concessioni comunali pluriennali), con l’Atalanta che in caso di acquisto avrà anche lo sconto….

SUL NUMERO IN EDICOLA DA VENERDI’ 6 MAGGIO

pubblicità