BERGAMO – SCENARI – La carica (dei Partiti) e le… cariche Misiani sacrificato nei giochi del Pd

La carica e le cariche. Un’infornata (al solito) di sottosegretari. Che ruolo hanno? Sono per definizione i diretti collaboratori di un ministro e sono nominati con decreto del Presidente della Repubblica su indicazione del Presidente del Consiglio dei Ministri. Che un ministro abbia bisogno di “collaboratori” ci sta, che siano “politici” anche, ma spesso per equilibri tra alleati di governo, accanto a un ministro di un colore politico si affianca un “sottosegretario” o addirittura un viceministro di un partito diverso dal suo. Il che può bilanciare i rapporti di forza all’interno della coalizione di governo, ma anche condizionare lo stesso ministro. La differenza tra sottosegretario e viceministro è che i sottosegretari sono esclusi dalle riunioni del Consiglio dei Ministri, cui invece possono partecipare i viceministri. Più che collaboratori questi si trasformano in controllori.

Chiarito il ruolo, passiamo all’infornata. Già con le nomine dei ministri il presidente del Consiglio Mario Draghi era stato condizionato applicando di fatto quello che viene chiamato “manuale Cencelli”. L’espressione deriva dalla teoria elaborata negli anni 60 da Massimiliano Cencelli al momento di spartirsi gli incarichi di governo all’interno della Democrazia Cristiana. La sua teoria si basava sul meccanismo adottato nelle società per azioni (Spa) dove in base alle quote azionarie si dividono le cariche. Nella Dc si dovevano assegnare in base alle tessere.

Sembra un altro mondo, ma quella teoria resiste. Infatti ecco che i 39 posti tra sottosegretari e viceministri sono stati assegnati in base alla “forza” politica facente parte della grande ammucchiata di questo governo, con qualche “correzione” basata sulle potenzialità dei partiti, altrimenti, in base ai numeri attuali di parlamentari, non si spiegherebbero quelli assegnati alla Lega: fatto sta che sono andati 11 sottosegretari ai 5 Stelle, 9 alla Lega, 6 a Forza Italia, 6 al Pd, 2 a Italia Viva, 1 a testa per Leu, +Europa, Centro Democratico e Cambiamo. Manca la nomina del sottosegretario allo Sport. Totale: 39 sottosegretari (6 viceministri). ..

SUL NUMERO IN EDICOLA DA VENERDI’ 5 MARZO