BERGAMO – LA LAUREA AI TEMPI DEL CORONAVIRUS – Mario e la prima laurea in Italia via web, da Celadina collegato con l’università di Bologna: “Avevo paura della…connessione”

Mario è a casa sua, quartiere Celadina, Bergamo, passa le giornate tra libri e film in tv. Mario di cognome fa Carlessi, è il primo laureato on line della provincia di Bergamo ma anche d’Italia, lunedì 9 marzo, prima sessione via web causa coronavirus. L’Università è quella di Bologna, la più antica d’Europa, laurea Magistrale in Italianistica, Lettere Moderne. Mario se la immaginava decisamente diversa la sua seduta di laurea, ma va beh, è andata così, è andata con un 110 e lode e i genitori in salotto che lo guardavano emozionati: “Che avrei dovuto discuterla via web l’ho saputo molto tardi – racconta Mario – c’è stata molta incertezza ovviamente vista la situazione, sino all’ultimo, l’ho saputo il venerdì che l’avrei discussa il lunedì, solitamente ci sono almeno 15 giorni di preavviso, ma quello che sta succedendo in Italia ha cambiato le carte in tavola ovunque. Per fortuna mi ero già preparato all’idea da una decina di giorni che probabilmente non sarei potuto andare a Bologna per via del coronavirus e poi infatti è uscito il decreto. Le università e in generale tutte le scuole sono state le prime a essere chiuse, hanno cominciato con le lezioni online e quindi era probabile che anche esami e lauree si sarebbero tenuti a distanza”. Dispiaciuto? Mario sorride: “Beh, un po’ si, la mia laurea la sognavo un po’ diversa, è una situazione davvero strana quella che ho vissuto però non si poteva fare diversamente”. …

SUL NUMERO IN EDICOLA DA VENERDI’ 20 MARZO