BERGAMO – IL CASO – Quel pasticcio dei vaccini antinfluenzali, in Veneto è costato poco più di 5 euro, in Lombardia 14.4 euro

Quel pasticciaccio sui vaccini antinfluenzali. Quando arrivano? Come devo fare per farli? Medici di base subissati di domande per capire come muoversi nella giunga del vaccino antinfluenzale. Ma in Lombardia siamo in ritardo. Cosa è successo? Basta dare un occhio alle due gare in Veneto e in Lombardia, amministrazioni leghiste tutti e due, ma metodi di gestione diametralmente diversi, se non opposti. Tito Boeri e Roberto Perotti hanno ricostruito cosa è successo in un’analisi pubblicata su Repubblica nei giorni scorsi. La Lombardia si muove presto con una gara in febbraio per un generico vaccino tetravalente, poi soppressa perché il prezzo base è di 4,5 euro e l’unica offerta pervenuta è di 5,9 euro. Niente di male: la Regione “ha sondato il mercato” cercando di minimizzare la spesa. C’è ancora tempo. Ad aprile viene indetta una nuova asta, prorogata e poi revocata a fine maggio, ufficialmente per indirne una più grande. Infatti il 25 maggio la Lombardia indice una gara per due milioni di dosi per adulti con base d’asta di 5,9 euro (come l’unica offerta alla prima gara), ma non l’aggiudica per mancanza di offerte. Nel frattempo, il 21 maggio la Regione Veneto indice una gara e aggiudica quattro lotti su tutti e tre i tipi di vaccino, con prezzi da 5,22euro per il vaccino adiuvato a 7,50 per quello da colture cellulari. All’inizio di giugno il Veneto ha quindi già coperto tutto il proprio fabbisogno di un milione e trecentomila dosi. La Lombardia ha esattamente il doppio degli abitanti e della popolazione a rischio del Veneto, quindi ha bisogno almeno del doppio di dosi. A metà giugno indice una gara per un milione e ottocentomila dosi; ne aggiudica solo 400.000 agli stessi prezzi del Veneto. 

A questo punto i tempi cominciano a stringere. A fine giugno nuova gara; i l primo lotto, per il vaccino adiuvato, è per due milioni e mezzo di dosi, ancora al prezzo base di 5,9 euro. Se ne aggiudica (ma solo a inizio settembre!)…

SUL NUMERO IN EDICOLA DA VENERDI’ 23 OTTOBRE