Bergamo – dopo l’interruzione secolare dovuta al covid, torna la Festa dell’Apparizione, apertura della Porta Santa della Speranza

Mons. Francesco Beschi presiederà al Santuario cittadino dell’Addolorata la celebrazione eucaristica del pomeriggio e la solenne processione serale del 18 agosto: 419esimo anniversario del prodigio. Il 10 agosto apertura della Porta della Speranza. Il 16 Messa per i malati, volontari e operatori sanitari Bergamo, 31 luglio 2021 – Bergamo si prepara a celebrare la Festa dell’Apparizione – evento centrale della devozione mariana della città – con la fiducia e la speranza di una ripartenza, con la reintroduzione della processione, nel rispetto delle norme di sicurezza dovute al protrarsi del periodo pandemico. A causa della prima e acuta fase della pandemia i festeggiamenti dello scorso anno 2020 sono stati fortemente limitati e si sono conclusi con la preghiera di affidamento della città all’Addolorata, da parte del Vescovo di Bergamo in diretta televisiva, interrompendo così la secolare tradizione della processione. Quest’anno come segno di ripresa e apertura della comunità, la Parrocchia di Santa Caterina con il Comitato dei Festeggiamenti ripristinerà, seppure in modo ristretto e ridotto, la solenne processione con l’antico simulacro dell’Addolorata per le vie del Borgo d’Oro, presieduta dal Vescovo Monsignor Francesco Beschi, nel rispetto di uno specifico protocollo anti-assembramento in accordo con la Curia diocesana, le autorità e istituzioni: Comune, Prefettura, Questura e ATS Bergamo. Il percorso della processione sarà limitato alla prima metà tradizionale, cioè dal Santuario percorrendo via Santa Caterina fino all’Accademia Carrara, grazie alla rinnovata disponibilità della pinacoteca, e da qui il ritorno al santuario. Nello slargo della Carrara il simulacro della Madonna, si girerà e simbolicamente nel ritorno aprirà il corteo. L’idea simbolica che la Madonna ci precede verso un nuovo futuro di speranza, permetterà di far giungere per primo il Vescovo con il simulacro della Madonna sul piazzale del Santuario dove si terrà la conclusione, con il discorso di Monsignor Beschi e la benedizione. Per quanto riguarda l’ordine della processione del 18 agosto i fedeli si disporranno a partire dalle ore 20 lungo via Santa Caterina su due file con distanziamento debitamente tracciato a terra e con obbligo di mascherina. Per facilitare la disposizione verranno apposti sulla strada in porfido degli indicatori di posizione – grazie al supporto di Costim e del team di Chorus Life – in modo da garantire l’afflusso e il posizionamento regolato. Nel corteo processionale si prevede, nel rispetto dei limiti previsti, la partecipazione di 700 persone. Tale numero comprenderà sacerdoti, autorità, rappresentanti delle istituzioni e tutti coloro che hanno ruoli specifici o simbolici (portantini del simulacro e degli stendardi, confraternite, ministranti, animatori liturgici del canto o della preghiera). I fedeli verranno invitati costantemente al distanziamento. Il servizio d’ordine sarà garantito dalla presenza dei volontari del Comitato dei Festeggiamenti dell’Apparizione, in collaborazione con altri volontari della Protezione civile. Per la buona riuscita del momento liturgico si è chiesta la collaborazione, oltre che della Polizia Locale e delle Forze dell’Ordine, anche dell’AREU, degli Alpini e dell’associazione Ragazzi On The Road. Per il secondo anno consecutivo, a causa delle restrizioni e delle norme anti-assembramento, non sarà possibile tenere l’atteso spettacolo pirotecnico – tradizione che accompagna la Festa dell’Apparizione – grazie alla disponibilità del Comune di Bergamo e poi di Atalanta Bergamasca Calcio che ha garantito l’utilizzo del Gewiss Stadium. Non sarà possibile organizzare nemmeno la Cena lungo il Borgo d’Oro sotto le caratteristiche luminarie lauretane, che vestiranno a festa via Santa Caterina. Appuntamento importante quest’anno sarà l’apertura della Porta Santa della Speranza al Santuario dell’Addolorata, con annessa indulgenza plenaria ai fedeli che vi faranno visita. “Sarà un incontro con la misericordia di Dio” dichiara il prevosto e rettore del Santuario Monsignor Pasquale Pezzoli. Il Santuario dell’Addolorata aprirà i battenti ai pellegrini, ai quali verrà concessa l’indulgenza secondo le consuete condizioni: confessione sacramentale, comunione eucaristica e preghiera secondo l’intenzione del Papa. L’indulgenza è anche applicabile a modo di suffragio alle anime dei fedeli defunti. I malati e tutti coloro che sono impossibilitati a partecipare fisicamente potranno ugualmente fruire del dono 2 dell’indulgenza plenaria, offrendo le loro sofferenze al Signore o compiendo pratiche di pietà. Accolto così l’invito dell’Associazione Collegamento Santuari Italiani “come grande opportunità di rigenerazione della speranza che le comunità possono mettere in campo accompagnando i cercatori di luce del nostro tempo a vivere esperienze capaci di far riprendere fiato alla vita di ciascuno”, ha sottolineato nell’invito Monsignor Stefano Russo, segretario generale della CEI. “Stiamo faticosamente uscendo da un periodo buio di pandemia: il dantesco ‘uscimmo a riveder le stelle’ – ha affermato – ci accompagna e ci esorta ad alzare gli occhi all’infinito, colmi di luce che illumina la nostra fiducia nel futuro”. Quanto al programma dei festeggiamenti in occasione del 419esimo anniversario dell’Apparizione restano alcuni appuntamenti centrali. Il 16 agosto Messa per i malati, volontari e operatori sanitari, presieduta da don Michelangelo Finazzi, Direttore dell’Ufficio diocesano della Salute. Alla vigilia del Settenario dell’Apparizione, lunedì 9 agosto, viene ripristinato anche il tradizionale concerto di apertura in Santuario per baritono (Giuseppe Capoferri), tromba (Francesco Panico) e organo (Damiano Rota). Giovedì 12 agosto Messa votiva a “Maria Regina della Famiglia” nell’Anno dedicato alla Famiglia Amoris Laetitia e a San Giuseppe. Sono invitate in modo particolare le coppie unite in matrimonio nel Santuario. E così l’imminente ricorrenza amata dai bergamaschi che quest’anno, come detto, non vedrà lo svolgersi dei fuochi d’artificio allo stadio e la cena lungo via Santa Caterina vedrà snodarsi nel rispetto delle consuete precauzioni la suggestiva processione con il seicentesco simulacro raffigurante la Beata Vergine Addolorata: richiamo all’affresco oggetto dell’evento prodigioso del 18 agosto 1602 quando tre raggi di stella andarono a rinvigorire tale effigie ormai logorata dal tempo. Fatto prodigioso al quale seguirono una serie di guarigioni e di innumerevoli “Grazie ricevute”. L’affresco, che era posto sul muro di una casa, da oltre quattro secoli si venera intatto sull’altare maggiore del santuario: luogo di preghiera e di consolazione durante tutto l’arco dell’anno in particolare per le situazioni di precarietà economica, lavorativa, familiare e di salute. Il santuario cittadino dell’Addolorata, situato nel quartiere storico di Santa Caterina, annoverato in questi ultimi anni tra i Borghi onorari più belli d’Italia, è meta di numerosi fedeli e pellegrini anche da fuori provincia soprattutto nei giorni de “L’Apparizione”. E proprio il pomeriggio e la sera del 18 agosto il Vescovo di Bergamo presiederà le celebrazioni del pomeriggio e della sera nel giorno della ricorrenza del 419esimo anniversario del prodigio Giornata nella quale culmineranno i vari riti liturgici che, pur con le dovute limitazioni e precauzioni anti-contagio, si susseguiranno a partire dal 7 agosto, alle 10, con l’esposizione del Simulacro dell’Addolorata. Lunedì 9 agosto, alle 20.30, Concerto di apertura in Santuario per baritono (Giuseppe Capoferri), tromba (Francesco Panico) e organo (Damiano Rota). Martedì 10 agosto inizia il Settenario dell’Apparizione. Messe in santuario alle 7.30, 9 (conpensiero) e 17. Apertura serale della Porta Santa della speranza. Alle 20.30 la recita del rosario dei Sette Dolori della Vergine. Mercoledì 11 agosto Messe in santuario alle 7.30, 9 (con pensiero) e 17. Alle 20.30 la recita del rosario dei Sette Dolori della Vergine. Giovedì 12 agosto Messe in santuario alle 7.30, 9 (con pensiero) e 17. Alle 20 la recita del rosario dei Sette Dolori della Vergine e alle 20.30 Messa votiva a “Maria Regina della Famiglia”. Sono invitate in modo particolare le coppie che si sono unite in matrimonio in santuario. Venerdì 13 agosto Messe in santuario alle 7.30, 9 (con pensiero) e 17. Alle 20.30 la recita del rosario dei Sette Dolori della Vergine. Sabato 14 agosto Messe in santuario alle 7.30, 9 (con pensiero). Alle 18 Messa prefestiva in chiesa prepositurale. Alle 18.00 in santuario la recita del rosario dei Sette Dolori della Vergine e alle 18.30 la Messa prefestiva (sono invitati in modo particolare i membri e familiari del Comitato Festeggiamenti, i portatori del Simulacro della Madonna e gli Amici del Santuario). Domenica 15 agosto, Solennità dell’Assunzione della Beata Vergine Maria, Messa alle 7.30 nella chiesa di S. Nicolò ai Celestini. Alle 8 in chiesa prepositurale. Alle 9, 10, 11.30 e 19 in Santuario. Alle 16 canto dei vespri della Solennità. Alle 18.30 la recita del rosario dei Sette Dolori della Vergine e alle 19 Messa vespertina in Santuario. Lunedì 16 agosto Messe in Santuario alle 7.30, 9 (con pensiero) e 17 Messa per malati, volontari e operatori sanitari. Presiede don Michelangelo Finazzi, direttore dell’Ufficio diocesano della Salute. Alle 20.30 la recita del rosario dei Sette Dolori della Vergine. Martedì 17 agosto, Vigilia dell’Apparizione, Messe in santuario alle 7.30, 9 (con pensiero). Alle 16 canto de vespri della vigilia della solennità. Tempo utile per pregare, accostarsi alsacramento della confessione e ricevere la benedizione al trono della Beata Vergine Addolorata. Alle 18.30 Messa della vigilia della solennità dell’Apparizione: celebra monsignor Davide Pelucchi, vicario generale della Diocesi di Bergamo. Accompagna l’Ensemble “G.B.Moroni” diretto dal Maestro Giovanni Cesare Guerini. Alle 20.30 la recita del rosario dei Sette Dolori della Vergine. Mercoledì 18 agosto, Solennità dell’Apparizione, Messe in Santuario alle 6, 7, 8. Alle 9. Messa solenne presieduta dal prevosto e rettore del Santuario Monsignor Pasquale Pezzoli. Alle 10 il tradizionale omaggio floreale dei Vigili del Fuoco del Comando provinciale di Bergamo alla colonna votiva dell’Addolorata del sagrato del santuario. Alle 10.30 Messa solenne presieduta da Monsignor Andrea Paiocchi, prevosto emerito di Santa Caterina, con i sacerdoti nativi del Borgo o che hanno esercitato qui il loro ministero. Memoria degli anniversari di ordinazione. Alle 12 recita dell’Angelus davanti all’effigie prodigiosa nel ricordo dell’evento miracoloso. Il Santuario rimane aperto tutto il giorno. Nel pomeriggio tempo utile per pregare, per accostarsi al sacramento della confessione e ricevere le benedizioni al trono della Beata Vergine Addolorata. Alle 17.30 Messa solenne (diretta su www.ecodibergamo.it e su www.santacaterinabg.it) presieduta dal Vescovo di Bergamo monsignor Francesco Beschi. Accompagnano i cantori della “Tommaso Bellini” di Villa d’Ogna, corale diretta dal Maestro Silvano Paccani. Alle 20 canto dei vespri solenni. Alle 20.30 Processione nel Borgo presieduta ancora dal vescovo Beschi nel rispetto dello speciale Protocollo anti[1]assembramento. 3 Giovedì 19 agosto Messe in santuario alle 7.30, 9 e 17. La Messa delle 9 verrà celebrata per gli associati, i benefattori, gli amici, vivi e defunti, della Beata Vergine Addolorata. Alle 16 la benedizione dei bambini e dei loro genitori. Alle 20.30 la recita del rosario alla cappellina di via Ponte Pietra. I riti si terranno, tutti, nel rispetto delle norme anti[1]contagio. Il programma delle celebrazioni per il 419esimo anniversario de “L’Apparizione” è stato illustrato nel corso di una conferenza stampa alla quale hanno preso parte, fra gli altri, il prevosto di Santa Caterina e rettore del santuario della Beata Vergine Addolorata, Monsignor Pasquale Pezzoli, il presidente del Comitato per i Festeggiamenti, Alessandro Invernici, insieme al Segretario generale della Curia diocesana di Bergamo, Monsignor Giulio Dellavite, e l’assessore del Comune di Bergamo, Marco Brembilla, da sempre legato alla Festa. E’ intervenuto inoltre il direttore artistico della Parrocchia di Santa Caterina, Damiano Rota, e il vicepresidente vicario della BCC Bergamo, Francesco Percassi, in rappresentanza del presidente Duillio Baggi, il quale ha assicurato alla Parrocchia il contributo della Banca di Credito Cooperativo – istituzione di territorio dal 1899 – che ha sede in città. Aggiornamenti sulla Festa dell’Apparizione sulla pagina Facebook “Borgo Santa Caterina” e collegandosi al sito www.santacaterinabg.i