BERGAMO-CLUSONE RETROSCENA Il progetto dei Percassi a Bergamo e le analogie con il piano “Rezzara”

Il Piano chiamato “Rezzara” (e ripetiamo, il grande pioniere delle scuole cattoliche bergamasche forse non si sentirebbe gratificato di dare il nome a quel “Programma di Intervento” che trasforma un complesso sorto e vissuto come Istituto scolastico di matrice cattolica) sembra invece ispirato, quasi alla lettera, a un altro progetto che si sta realizzando a Bergamo nell’area dell’ex Cesalpina (nei pressi della stazione dei pullman). “Impresa Percassi ha dato inizio al cantiere relativo all’operazione promossa da Immobiliare Percassi e Domitys finalizzata alla costruzione di due immobili residenziali con servizi per anziani autosufficienti. Il nuovo modello abitativo, dedicato alla terza età, unico nel suo genere, risponde a una nuova esigenza abitativa in Italia, già emersa da tempo oltralpe. Gli edifici di nove piani, con 120 appartamenti, saranno inseriti in un nuovo parco urbano e realizzati nell’area ex Cesalpinia, a Bergamo, già oggetto di un importante progetto di riqualificazione urbana denominato Quartoverde”. Il progetto è ambizioso. Si tratta, come riportato qui sopra, di ben 120 piccoli appartamenti che saranno fruibili per anziani autosufficienti (al “Rezzara” ne sono previsti 44). Un’alternativa alle tradizionali Case di Riposo, in quanto sono previsti i servizi complementari, come palestra, piscina, centro benessere, ristorante, bar, oltre a giardini. E’ un target che ha avuto successo nell’Europa del nord e che viene realizzato per la prima volta in Italia….

SUL NUMERO IN EDICOLA DA VENERDI’ 8 MARZO