BASSA VALLE SERIANA – La frenata della Bassa Valle: aumentano i funerali, diminuiscono i fiocchi azzurri e rosa Dopo l’impennata nei primi 10 anni del millennio la popolazione è in calo. Diminuiscono gli afflussi di persone dall’estero. In crescita gli abitanti di Torre Boldone e Villa di Serio, invecchiano Albino e Nembro

Qual è lo stato di salute “anagrafico” della Val Seriana dall’inizio del terzo millennio? Gli anni d’oro della valle solcata dal fiume Serio sono ormai lontani e rimane solo il ricordo di quell’epoca in cui il tessile (e non solo) l’aveva fatta diventare ricca e sempre più popolosa.

Però, anche se quei tempi sono passati, la Val Seriana non ha seguito la sorte della vicina Val Brembana, sempre più vecchia e spopolata. Sul Serio, dopo la batosta determinata dalla crisi del tessile, ci si è rialzati.

Questa è la prima di tre puntate incentrate sull’andamento demografico della Val Seriana. In questa prima puntata ci occupiamo della Bassa Valle, da Torre Boldone ad Albino; sul prossimo numero passiamo in Media Valle e in Valgandino e poi, nel terzo saliamo oltre il Ponte del Costone, con l’Altopiano di Clusone, l’Asta del Serio fino a Valbondione, alle sorgenti del Serio (i dati sono tratti da Tuttitalia.it).

Torre Boldone: a piccoli passi verso i 9.000 abitanti

Una volta usciti dalla città di Bergamo ci si imbatte immediatamente nel centro abitato di Torre Boldone. La sua popolazione dal 2001 è in lenta e costante crescita. Si è passati dai 7.780 residenti di fine 2001 ai 8.777 del 31 dicembre 2018: un migliaio di abitanti in più. La vicinanza alla città, ai servizi, alle scuole, agli ospedali di Bergamo e di Alzano fanno la differenza.

Nei 17 anni presi in considerazione, solo nel 2015 la popolazione è diminuita di 13 unità. Gli incrementi maggiori ci sono stati nel 2004 (+ 182), nel 2008 (+ 99), nel 2012 (+ 110), nel 2013 (+ 166). Negli ultimi quattro anni, invece, l’incremento si è “addolcito”, ma nel giro di pochi anni Torre Boldone potrebbe abbattere il muro dei 9.000 abitanti…

SUL NUMERO IN EDICOLA DA VENERDI’ 26 LUGLIO