ARDESIO – INGRESSO DEL NUOVO PARROCO – Don Antonio: “Troppe aspettative, sono un persona semplice”. Caccia: “”Ci darà del filo da torcere”

Il nuovo prevosto Don Antonio Locatelli è stato accolto sul sagrato del Santuario. Il nuovo parroco, proveniente da Colere (il sindaco e mezzo paese lo hanno accompagnato) è originario di Locatello, la sua devozione mariana è legata alla Madonna del Cornabusa e anche a Colere ha rilanciato (se ce ne fosse stato bisogno) la devozione alla “Madonnina” con i restauri e le opere annesse. E ad Ardesio trova uno dei santuario più rinomati della Diocesi. Una preghiera e poi i discorsi di saluto. Il sindaco Yvan Caccia ha cominciato col dire “che don Antonio è preparatissimo, del nostro paese sa già tutto e il suo attivismo lo conosciamo per le parrocchie dove è stato, da San Pellegrino a Colere. Insomma ci darà del filo da torcere… ma noi dobbiamo sostenere i parroci perché in futuro scarseggeranno sempre di più, basti pensare alle nostre tre parrocchie adesso con un solo parroco, insomma diamogli una mano…

SUL NUMERO IN EDICOLA DA VENERDI’ 10 SETTEMBRE