ARDESIO – Il comitato per la difesa dell’asilo statale di Valcanale: “Dobbiamo salvarlo, spostatelo ad Ardesio, non si può chiudere”

Gli iscritti sono pochi. Troppo pochi. E il rischio è che l’asilo statale dovrà chiudere. “Quest’anno ne escono 5 e le prospettive non sono certo rosee – commenta un giovane papà di Valcanale, Massimo Zucchelli, che di figli ne ha tre – se non cambia qualcosa qui si chiude e se si chiude un asilo statale non lo si riapre più, quindi qualcosa dobbiamo provare a fare”. Ad Ardesio c’è un altro asilo ma è parrocchiale, dove gli iscritti sono una settantina, qui sono molti meno ma sinora anche a fatica, l’asilo statale è riuscito a stare in piedi, ora però le condizioni stanno cambiando. E così è nato un comitato permanente ‘per la difesa dell’asilo statale’. E un asilo statale in un paese come Ardesio sulla carta avrebbe tutti i numeri per rimanere, anche per ragioni di scelta economica degli utenti, la differenza della retta tra parrocchiale e comunale è abbastanza significativa. La richiesta del Comitato è quella di spostare l’asilo da Valcanale, scomodo per essere raggiunto dai bambini di Ardesio e realizzare l’asilo in un’ala in disuso delle scuole elementari. “Se perdiamo l’asilo – commenta Massimo – poi sarà dura riuscire a rimetterlo”. E così in questi giorni in paese verrà distribuito un volantino…

SUL NUMERO IN EDICOLA DA VENERDI’ 6 DICEMBRE