ANGOLO – Silvano: “Sentivamo urlare ‘aiuto!’, mi sono affacciato al terrazzo e ho visto che la strada non c’era più”

250

Silvano Mariolini guarda il Lago Moro mentre ci racconta cos’è successo quel martedì sera. “Ero in casa con mia mamma, 85 anni, era il classico temporale e non ci siamo preoccupati più di tanto. Purtroppo sono già due stagioni che buttiamo via tutto il raccolto del nostro vigneto e dell’orto per la tempesta. Tirava un vento forte che scendeva dalla Presolana, da Angolo verso Darfo. Proprio mentre ero in veranda e stavo per uscire sulla terrazza per vedere come stesse andando, ho sentito urlare ‘Aiuto, è venuto giù tutto’, ma non capivo. Mi sono affacciato al giardino, sotto passa via Lorenzetti e mi sono accorto che non c’era più la strada… era crollato tutto. All’inizio c’è stato un po’ di panico, ma alcune persone avevano già lanciato l’allarme e l’assessore del Comune, tempo cinque minuti, era già sul posto. Nel frattempo sono arrivati i Vigili del Fuoco, poi ho visto uscire da casa i miei zii e i miei cugini che abitano di sotto… ci siamo fatti tutti un po’ forza. Noi eravamo piuttosto lontani dal luogo della frana e vedevamo la gente al ponte che guardava verso di noi. Pian piano sono arrivate tutte le forze preposte, ci dicevano che in casa non potevamo stare per motivi di sicurezza e quindi tramite amici e vicini di casa abbiamo cercato di spostarci….

SUL NUMERO IN EDICOLA DA VENERDI’ 17 GIUGNO

pubblicità