ALZANO – La “strigliata” del sindaco agli Alzanesi. “Compilate il questionario dell’Istituto ‘Mario Negri’”. Per il buon esito della ricerca serve almeno un migliaio di risposte

188

L’appello del sindaco – ma qualcuno l’ha definito “strigliata” –  ai suoi concittadini ha colpito nel segno: gli Alzanesi si sono “svegliati” ed hanno aderito in massicciamente all’importante progetto ORIGIN dell’Istituto di Ricerche Farmacologiche Mario Negri IRCCS per la ricerca contro il COVID-19, nato da un’idea dei ricercatori del Mario Negri che da anni si impegnano nello studio dei difetti genetici che sono all’origine delle malattie.
L’ipotesi alla base del progetto è che le variazioni genetiche possano avere un’influenza sulla gravità della malattia COVID-19 e possano spiegare le diverse risposte all’infezione. Insieme a Nembro ed Albino, il Comune di Alzano vi aveva aderito, ma la risposta dei cittadini, cui si chiedeva la compilazione di un questionario, era stata decisamente tiepida, tanto tiepida da spingere il primo cittadino Camillo Bertocchi a richiamarli in modo più che deciso, lunedì 13 scorso, col seguente post sulla pagina facebook del Comune:

“UN PO’ DI COSCIENZA CIVICA!
Sono solo 181 gli alzanesi che ad oggi hanno compilato il questionario del progetto ORIGIN.
Forse non si è compresa l’importanza di questo studio, che è di rilevanza mondiale e che consentirà di aiutare la ricerca scientifica nella cura del COVID, salvando vite umane!
Sono almeno 4000 gli alzanesi che hanno fatto un test sierologico e/o un tampone e non posso credere che, dopo ciò che è accaduto, non si voglia investire qualche minuto del proprio tempo per la ricerca.
Vi invito caldamente ad aderire a questo progetto che è importante e svolto nell’interesse di tutti. Compilate il vostro questionario e fatelo compilate a genitori, parenti, amici…. Ve ne saremo grati.
Buona serata”.

Un richiamo che ha sortito il suo effetto, perché il giorno dopo il primo cittadino torna sul social del Comune con quest’altro messaggio:

“Nelle due ore successive al post di ieri sono stati 200 i questionari compilati per il progetto Origin promosso dall’Istituto di Ricerca ‘Mario Negri’. Vi ringrazio di cuore e vi invito a proseguire nella promozione del progetto presso i vostri conoscenti per raccogliere quanti più questionari possibile. GRAZIE ALZANESI!”.

Nello stesso post il sindaco rassicura poi i cittadini circa il rispetto della privacy, in quanto l’unico titolare dei dati è l’Istituto “Mario Negri” e specifica che il questionario non è per famiglia, ma può essere compilato da qualsiasi cittadino maggiorenne interessato che abbia eseguito almeno un test sierologico e/o tampone orofaringeo per SARS-CoV-2…

SUL NUMERO IN EDICOLA DA VENERDI’ 23 OTTOBRE

pubblicità