ALZANO – Il torrente Nesa va… a gasolio: puzze, mal di testa e polemiche

391

Povera Nesa… e poveretti quelli che vivono nelle sue vicinanze! Per lunghe settimane, a partire da fine giugno, si sono dovuti sorbire la puzza proveniente dal corso d’acqua che passa per Nese, frazione di Alzano Lombardo. Una puzza di idrocarburi talmente fastidiosa che, nonostante il gran caldo, alcune persone erano state costrette a tenere le finestre chiuse per impedire all’odore di dilagare nei loro appartamenti. E poi, non mancavano mal di testa per chi passeggiava nelle vicinanze del torrente, nelle cui acque erano visibili tracce di gasolio. Ovviamente preoccupati, i residenti hanno segnalato il problema che ha richiesto alcune settimane per poter individuare il luogo da cui fuoriesce la sostanza oleosa.

pubblicità

Questa situazione, oltre a generare un certo allarme tra la cittadinanza, ha dato vita a qualche inevitabile polemica.

Chiare fresche et dolci acque… torrente Nesa inquinato da una importante chiazza di elemento oleoso (gasolio?). Si potrebbe intervenire alla sorgente di questo, ma l’unico intervento sono stati dei rotoloni messi in acqua come paratie, ma ugualmente lo scorrere dell’acqua porta con sé anche rivoli di gasolio. Caro Petrarca, quanto dovremo aspettare per continuare la tua canzone?”, ha scritto a metà luglio un’alzanese sul gruppo facebook ‘Sei di Alzano Lombardo se…”.

Questo post è stato poi condiviso dalla consigliera di minoranza di ‘Alzano Futura’ Loretta Moretti, che ha rincarato la dose: “Quello che vedete purtroppo non è un bel fiumiciattolo, è uno sversamento di gasolio da riscaldamento nella nostra Nesa! Cosa aspetta il Comune a muoversi? È di sua competenza, ma non sta agendo in modo tempestivo! Tutti gli enti sono stati attivati anche su segnalazione del gruppo ‘Alzano Futura’ e da singoli cittadini. Il problema è gravissimo. Si parla di ecologia e di attenzione green… dove?”….

SUL NUMERO IN EDICOLA DA VENERDI’ 22 LUGLIO

pubblicità