ALZANO – IL SINDACO – La ripartenza di Bertocchi: “Due mesi di programmazione. La Casa della comunità, il coinvolgimento dei giovani, le opere al via”

104

Camillo Bertocchi è al lavoro. La conferma alle urne, la nuova squadra e i mille fronti di attività che non si sono mai fermati.

pubblicità

Siamo ripartiti subito – racconta il sindaco -. Il giorno dopo le elezioni ci siamo presi mezza giornata di pausa, poi ci siamo messi al lavoro sulla programmazione, che è l’attività più importante. Si tratta di dare la declinazione di tutte le azioni indicate nel programma elettorale, al fine di renderle operative: come realizzarle, quando realizzarle e come finanziarle. Dobbiamo dare queste risposte per essere poi ben organizzati. Il tempo che investiamo nei primi due mesi per organizzare bene la macchina lo guadagniamo con gli interessi nei prossimi anni: questa fase è fondamentale”.

Sono giorni fitti di incontri con i nuovi assessori e di stesura dei programmi. Due i progetti più grandi. “C’è un lavoro intenso nell’ambito socio-sanitario: abbiamo la partita con Regione Lombardia per la Casa della comunità, la riorganizzazione e ristrutturazione dell’ospedale e il sogno di un polo universitario collegato all’ospedale”.

La questione delle Case della comunità sta facendo discutere parecchio. “Non dipende da noi: le scelte le fanno altri, ma noi facciamo le proposte. Nel territorio della media valle sui 18 comuni sono previste tre Case della comunità, nelle sedi degli attuali PreSST: Alzano, Albino e Gazzaniga. Era la notizia che aspettavamo per capire come organizzarle, adesso stiamo lavorando sia sul livello infrastrutturale, per l’individuazione del luogo, sia sui contenuti. È un tema a che vogliamo gestire con l’ambito perché sia il progetto non di un singolo ma di tutti 18 Comuni”…

SUL NUMERO IN EDICOLA DA VENERDI’ 5 NOVEMBRE

pubblicità