ALZANO – I “GIOVANI CONSIGLIERI”/3 – Raul Merelli si racconta: “Il computer per lavoro e passione, la politica dalla terza media, l’ansia allo spoglio e ora…”

137

È entrato in consiglio comunale per una sola preferenza. Raul Merelli è uno dei tre ventunenni new entry dell’amministrazione Bertocchi ad Alzano. Giovani che hanno deciso di scendere in campo per il proprio paese mettendoci la faccia e ottenendo.

pubblicità

“Sono nato e cresciuto ad Alzano – inizia a raccontare Raul, una sera rientrando dal lavoro -. Faccio il programmatore informatico, non ho proseguito gli studi dopo le superiori-. Mi sono diplomato all’ITIS Paleocapa, a Bergamo, indirizzo informatico. Avevo già da ragazzo questa idea e sono sempre stato felice della mia scelta. Mi capitava spesso di rimanere a scuola con i compagni o i professori dopo le lezioni e queste cose le fai se ti piace quello che studi”.

Dopo la maturità… “Ero molto indeciso se proseguire gli studi o andare a lavorare, alla fine ha prevalso la necessità economica di essere indipendente e mi sono buttato subito sul lavoro. A settembre del 2020 ho fatto il primo colloquio e sono stato subito assunto. Mi sono fatto l’estate di vacanza, poi sono partito, è passato un anno e sono ancora lì”.

E nel tempo libero? “Lo spazio che mi resta dal lavoro lo dedico agli amici e ai parenti, mi piace incontrare le persone. Sono abbastanza timido ma appena conosco una persona mi apro e ci sto insieme volentieri. Quando sto a casa leggo o guardo film, anche se il mio hobby principale resta l’informatica anche dopo il lavoro: a casa spesso mi metto al computer e scrivo programmi”.

Sport? “Mio malgrado, ho smesso, anche la mia struttura fisica mi suggerirebbe di continuare – ride-. In passato ho fatto judo, in questo momento la cosa più probabile sarebbe far palestra”.

Domanda difficile: definisci il tuo carattere? “Timido, determinato, molti mi dicono anche disponibile, nonostante gli orari lavorativi non mi permettano di esserci sempre per tutti. Spesso mi definiscono anche gentile e ovviamente mi fa piacere”

SUL NUMERO IN EDICOLA DAL 3 DICEMBRE.

pubblicità