ALZANO – “ALZANO VIVA” – I ‘nowakiani’, le elezioni e l’archiviazione della denuncia contro l’ex sindaca Nowak

Il gruppo di minoranza ‘Alzano Viva’ ha esultato per l’archiviazione della denuncia del 27 gennaio 2015 a firma Camillo Bertocchi, Pietro Ruggeri, Mariangela Carlessi, Elena Bonomi e Giovanna Zanchi, contro una delibera di Consiglio approvata quando era sindaco Annalisa Nowak. Quella vicenda aveva portato alla crisi dell’Amministrazione di centrosinistra, allo ‘sfilamento’ dei consiglieri del PD dalla maggioranza e, di conseguenza, alle elezioni anticipate vinte dal centrodestra.

L’ex sindaca dichiara: “Questi eventi, oltre alla sofferenza personale, mi hanno dato il più grande dolore come sindaco. Le menzogne buttata a piene mani dalla Lega hanno portato alla destabilizzazione della fiducia nel Consiglio e la confusione nella città. È così che i consiglieri legati al PD hanno lasciato la maggioranza e riconsegnato la città alla Lega. In quei momenti con gli assessori Fiaccadori, Lameri e Panseri abbiamo scelto di dare importanza alla verità dei fatti, non accettando un rimpasto che avrebbe rappresentato un modo per scaricare la colpa su qualcuno. Sapevamo che la colpa non c’era e abbiamo preferito pagare insieme, personalmente, il peso dell’ingiustizia. Oggi però siamo qui insieme, a testa alta”.

Lo sguardo si volge alle elezioni del 3 e 4 ottobre. Spiega Simonetta Fiaccadori: “L’assenza di etica politica della Lega alzanese dimostrata dalla vicenda dell’archiviazione ci fa capire che non possiamo oggi rinunciare ad un nostro impegno per Alzano. Nella comunità si è creato un sistema asfittico in cui non c’è autonomia dei soggetti sociali e tutto è eterodiretto dall’Amministrazione.

Bertocchi manca totalmente di cultura democratica…

SUL NUMERO IN EDICOLA DA VENERDI’ 6 AGOSTO