ALTO SEBINO – Simone, la malattia, quella sedia a rotelle che lo fa volare, l’amico Michele, il sorriso addosso e più di 40.000 follower

La sua carrozzina sfreccia veloce come un sorriso. Simone Pedersoli è un…influencer. Che oggi gli influencer li identificano tutti con un bel paio di gambe (se sono donne) e muscoli possenti (se sono uomini), ma c’è chi come Simone i muscoli li ha nel cuore che danza di meraviglia e in quello sguardo che sfida curioso e felice il mondo. Simone ha 21 anni, arriva dalla Sacca di Esine “E non da Esine, perché io sono della Sacca e ne vado orgoglioso”, Simone è nato con il sorriso stampato in volto e con…l’atrofia muscolare spinale di tipo II, che lo ha costrutte sulla sedia a rotelle, ma non gli ha tolto la voglia di vita, anzi, quella è sempre più forte e intensa. Quella voglia che ha contagiato e che contagia tutti quelli che incontrano Simone, anche i…Ferragnez, il rapper Fedez e sua moglie Chiara Ferragni che lo hanno incontrato nei giorni scorsi per una cena insieme nel bresciano, all’Albereta, storia che ha fatto il giro del web e dei media. Ma Simone è altro. E’ molto altro: “Cosa vuoi che ti dica – comincia sorridendo – ho 21 anni, sono nato il 4 aprile del 1998. Sono malato di Sma due, quando ero piccolo non mi serviva la carrozzina, poi però crescendo è diventata indispensabile, quella dell’Asl però era veramente brutta, e così dopo un po’ siamo riusciti a comprare questa, guarda che bella”, Simone la mostra orgoglioso, pulsanti, tasti, insomma, un …bolide: “Già, visto che ci devo passare tutta la vita, tanto vale prenderla bella, l’ho pagata 20.000 euro”. Simone sorride, lui la vita la prende sempre con il sorriso. E non è facile incontrare un ragazzo con una disabilità come quella di Simone che sorride sempre: “Io amo davvero la vita e non mi manca camminare, non ho mai camminato, non può mancarmi una cosa che non conosco”. Simone ha una sorella, che ha tre anni meno di lui: “Si chiama Sofia, studia a Breno, vuole diventare veterinaria. Se vado d’accordo con lei? tantissimo”.,,

SUL NUMERO IN EDICOLA DA VENERDI’ 21 FEBBRAIO