ALTA VALLE – Sempre più drammatica e inaccettabile la carenza dei medici di base. Aumentano l’ansia, l’angoscia e le preoccupazioni degli utenti

Dura ormai da più di un mese il grave disagio delle popolazioni di Gromo, Gandellino, Valbondione e Valgoglio in difficoltà per la presenza sul territorio di un solo medico di base. Gli utenti della dott.ssa Elena Giampetruzzi, sostituita dalla dott.ssa Elena Verdi che ha dato le dimissioni, devono far riferimento alla Continuità Assistenziale Diurna di Gromo, con le prevedibili difficoltà e gli altrettanto prevedibili problemi, trattandosi in gran parte di persone anziane. Una situazione sempre più insopportabile che ha spinto i sindaci dei 4 paesi interessati a scrivere di nuovo all’ATS:

E’ la quarta lettera che mandiamo – afferma la sindaca di Gromo  Sara Rivama la situazione in cui versa l’Alta Valle a causa della carenza di medici di base finora non è stata risolta. Non c’è solo il problema degli spostamenti che mettono in difficoltà i pazienti, ma anche quelli del mancato passaggio dei fascicoli medici al nuovo punto di assistenza, con conseguente difficoltà per i medici nel prendere in carico il paziente; criticità nel contattare il numero telefonico in quanto sovente occupato; visite tribolate in ambulatorio perché i medici devono contestualmente visitare e rispondere al telefono; indisponibilità dei professionisti a recarsi presso il domicilio dei pazienti per le visite»…

SUL NUMERO IN EDICOLA DA VENERDI’ 5 MARZO