Allarme meningite: l’uomo di Gianico in gravi condizioni ma gli accertamenti escludono il virus

L’allarme meningite sta facendo andare in tilt ambulatori, telefoni e distretti medici. E le notizie rimbalzano ovunque, poche ore fa era stata diramato ai giornali l’allarme meningite in Bassa Valle Camonica a Gianico, un uomo di 62 anni ricoverato per sospetta meningite. L’uomo, ricoverato in gravi condizioni presso l’UOC di Anestesia e Rianimazione dell’ASST Spedali Civili di Brescia, è stato sottoposto agli accertamenti diagnostici del caso che hanno evidenziato una patologia non infettiva. Non si è trattato dunque di un caso di meningite. Nel contempo però l’ASST della Valcamonica e l’ATS della Montagna hanno provveduto, per le parti di propria competenza a: eseguire indagine epidemiologica, mettere in atto tutte le azioni necessarie rispetto all’accaduto. Si continua a monitorare la situazione e intanto in Prefettura è in corso l’incontro tra sindaci, Prefetto e assessore regionale alla sanità. A breve le decisioni che riguardano anche una possibile chiusura delle scuole della zona del Basso Sebino e della Val Calepio.