ALBINO – Terzi e l’errore della TARI: “Tutte le tariffe sono corrette. Dalle minoranze un polverone inutile”

324

Nuova puntata per la guerra della TARI del Comune di Albino. Dopo il polverone alzato dalla minoranza nel mese di settembre e la risposta ancor più dura della maggioranza, lo scontro è tornato in scena nell’ultima seduta di consiglio comunale.

Dove sta la novità? Un errore nel calcolo c’è stato e il sindaco Fabio Terzi l’ha ammesso. E qui i consiglieri di minoranza hanno sostenuto di aver avuto ragione nella propria battaglia.

“La vicenda ha inizio diversi mesi fa con la nostra segnalazione nel Consiglio Comunale del 7 maggio 2021 di un’anomalia nel calcolo delle tariffe rifiuti TARI 2021 – spiegano in un comunicato i gruppi Ambiente e Beni comuni, Per Albino Progetto civico e RinnovAlbino –: un errore che avrebbe portato ad un’errata distribuzione dei costi tra i cittadini. In sede di emissione dei modelli di pagamento F24 si è avuta conferma di queste variazioni anomale nelle tariffe, visto lo stupore di molti cittadini. Finalmente nel Consiglio Comunale di lunedì 29 novembre, il Sindaco ha riconosciuto l’errore in modo preciso e dettagliato. In sostanza, semplificando, per un’inversione di importi tra costi fissi e variabili non si è applicato correttamente l’articolo che avrebbe garantito la necessaria gradualità nell’introduzione delle nuove tariffe di Arera. Questo è quanto.

Facciamo eco all’ultimo intervento di Andrea Piazzalunga: finalmente abbiamo tutti capito con chiarezza l’errore commesso. Abbiamo deciso di comune accordo di ritirare la nostra mozione avendo avuto l’ammissione dell’errore dal Sindaco e la conferma della possibilità di rimediare tramite conguaglio delle tariffe dalla Responsabile dell’Ufficio Tributi.

Il nostro Statuto Comunale all’articolo 1 comma 2 cita il principio di equità come fondante della propria azione. Siamo contenti ma restiamo vigili sull’Amministrazione che, proprio per salvaguardare i principi riportati nell’Articolo 1 del nostro Statuto Comunale, ristabilirà l’equità chiedendo il dovuto a chi ha pagato meno e restituendo la quota in eccesso a chi ha pagato di più rispetto alle tariffe corrette”.

Il sindaco Fabio Terzi non si nasconde e ancora una volta prova a fare chiarezza, ridimensionando la portata dell’errore. E di fatto rispedendo al mittente le accuse della minoranza. “La montagna ha partorito il topolino – esordisce il primo cittadino, sorridendo -: dopo tanto clamore e tanto fumo, le cose cambiano poco per i cittadini. Non è assolutamente vero che la TARI è sbagliata: quella proposta dalla minoranza è una versione semplicistica e distorsiva della realtà.

Abbiamo costruito in maniera corretta il Piano Economico e Finanziario, da cui deriva il piano tariffario. Abbiamo imputato correttamente costi fissi e costi variabili nel Piano Economico e Finanziario, seguendo le linee guida di Arera. Rispetto a quanto accadeva qualche anno fa, Arera dice che devi calcolare costi fissi solo lo spazzamento delle strade e i costi amministrativi, tutto il resto rientra tra i costi variabili: per intenderci, anche il camion che parte con due omini e va a raccogliere la spazzatura è un costo variabile, non solo la pesata del bidone. La divisione è stata effettuata in modo corretto”.

SUL NUMERO IN EDICOLA DAL 17 DICEMBRE

pubblicità