ALBINO – PIAZZO – Il passaggio alla Ca’ di Fade, i cancelli del privato, l’esposto alla Procura, la strada alternativa… ecco la “guerra di Piazzo” L’Associazione “Insieme per Piazzo” si mette in marcia e chiama a raccolta gli albinesi: “Me pias Pias”

Della Ca’ di Fade si diceva che ‘i fàa la polenta a Nèmber e i la botàa sò a Albì’, perché è sul confine tra i due Comuni”. Un pensionato albinese, impegnato nell’Associazione “Insieme per Piazzo”, sorride nel ricordare questo antico adagio.

Il suo è però un sorriso velato di malinconia e di tristezza. “Non posso dimenticare come era Piazzo quando, fino ad alcuni anni fa, ci si poteva tranquillamente passare; si poteva passeggiare  lungo la strada di collegamento tra Albino e Nembro godendosi il panorama, in quella che è una delle zone più belle del nostro paese. Adesso non lo possiamo più fare… Il fatto è che una strada comunale è chiusa e la gente non vi può transitare… è questo che noi contestiamo!”.

Ad Albino è tornata d’attualità l’annosa questione della località Piazzo e del “passaggio alla Ca’ di Fade”, di cui si discute ormai da una ventina d’anni. Una sorta di “guerra dei vent’anni” che vede contrapposti il privato che ha acquistato l’area (determinando la chiusura della vecchia strada di collegamento con Nembro) e l’associazione che si occupa della tutela e della valorizzazione di Piazzo….

SUL NUMERO IN EDICOLA DA VENERDI’ 8 MARZO