ALBINO – L’ex sindaco Cugini: “Basta attacchi alla fontana sul piazzale del municipio. L’avete fatta morire! Ecco cosa significa”

LETTERA APERTA a SINDACO, GIUNTA e CONSIGLIO COMUNALE — ALBINO

Nel mio mandato di Sindaco è stata realizzata la tanto criticata FONTANA sul piazzale del municipio, sopra il torrente Albina; sento che circolano voci di un’eventuale demolizione per far posto ad un MONUMENTO, in memoria delle vittime Albinesi da CORONAVIRUS. Fontana da qualcuno definita “cosa” senza significato, ricettacolo di rifiuti, “pisciatoio”, toilette per cani e gatti ecc. ecc., chi più ne ha, ne metta! Dopo anni di silenzio da parte mia, (per non “urtare” la sensibilità delle Amministrazioni succedutemi), colgo l’occasione per fare alcune considerazioni:

  1. Durante il mio mandato, nacque l’idea di “abbellire” quel punto che rendeva il cortile del municipio incompleto e bonificare quel “BUCO” sull’ ALBINA e anche si colse l’occasione di realizzare nel contesto, una STELE che ricordasse agli “stranieri”, il paese natale del grande pittore G.B. MORONI.
  2. Su indicazioni varie, in particolare dell’ufficio tecnico, la giunta decise di conferire l’incarico a GIANCARLO DEFENDI. Noto artista a livello europeo, la progettazione della fontana e della stele.
  3. A realizzazione avvenuta, non mi meravigliai che a non tutti l’opera piacesse: “è fisiologico per tutte le cose nuove, figuriamoci quando si tratta di monumenti !!!” In seguito, però provai dispiacere nel vedere che le amministrazioni in carica, la boicottarono “RENDENDOLA MORTA!”, Adducendo l’alto costo di gestione (corrente elettrica) e sostenendo che lo scroscio dell’acqua “invitava/richiamava” persone ed animali a soddisfare bisogni corporali. “Per carità! Non voglio qui sostenere che, non ci fosse nulla di vero”!
  4. Il giorno 11-11-2004 l’artista Defendi, forse per limitare le critiche, protocollò una lettera (indirizzata all’Amministrazione e pure alla mia “cortese attenzione”) illustrante il significato di tale opera, significato, a me e collaboratori, già noto fin dal progetto. È ragionevole pensare che quella fontana non fosse gradita alle amministrazioni successive, (ben 4 con l’attualmente in corso) dal momento che la lasciarono in stato di ABBANDONO….

SUL NUMERO IN EDICOLA DA VENERDI’ 23 OTTOBRE