ALBANO SANT’ALESSANDRO – La Lega guarda al ‘dopo Donisi’: “Ci vedremo con altri gruppi”. Rita Maffi: “Dispiaciuti per la figuraccia a cui tutto il paese è andato incontro, questa situazione ha screditato il nostro territorio”

Dopo le settimane turbolente attraversate dal Comune e dai cittadini di Albano Sant’Alessandro, si inizia a parlare di elezioni, che sarebbero anticipate al prossimo autunno, rispetto alla scadenza naturale della primavera 2022.

“Stando alla comunicazione del Prefetto – spiega la portavoce del gruppo Lega di Albano Rita Maffile elezioni dovrebbero svolgersi nella prima data disponibile, ovvero in autunno 2021. Il tempo non è molto, quindi, per potersi preparare…”.

Alle ultime elezioni del 2017 erano presenti quattro gruppi, quindi non si esclude la possibilità di alleanze: “Oltre alla nostra lista, c’erano altri due gruppi di minoranza. Non sappiamo ancora se allearci o meno con qualche altro gruppo. Da quando è iniziato il lockdown, non abbiamo più avuto la possibilità di trovarci, quindi non abbiamo ancora programmato nulla. Pandemia permettendo, dopo Pasqua, dovremmo trovarci per programmare gli scenari futuri. Valuteremo le aspettative del nostro gruppo e gli altri faranno lo stesso. Cercheremo di trovarci il prima possibile per mettere sul tavolo delle proposte e iniziative”.

All’interno del paese, continua ad aleggiare del malumore ogni qualvolta viene ricordata la vicenda dell’ex sindaco Maurizio Dionisi e dell’ormai famosa telecamera posizionata all’interno del bagno delle insegnanti alla scuola Primaria.

“I cittadini hanno vissuto malissimo la vicenda in cui è stato coinvolto il sindaco. Alcuni concittadini hanno cercato di difenderlo, ma le sue azioni sono indifendibili. Attualmente le voci si sono placate all’interno del paese, ma quando qualche persona sente ancora parlare dell’accaduto, si percepisce rabbia e frustrazione. Nessuno si aspettava un comportamento del genere, in primis perché è un maestro e, in secondo luogo, ma non meno importante, perché era il primo cittadino. Avrebbe dovuto essere la persona che dava il buon esempio e doveva essere il portavoce del paese, dunque, le persone sono rimaste molto sconvolte” …

SUL NUMERO IN EDICOLA DA VENEDI’ 2 APRILE