16^ EDIZIONE – Ardesio DiVino: 58 produttori, ingressi contingentati ma spettacolo confermato. Il battesimo di fuoco della nuova Pro loco

Un’edizione rivista ma non ridotta. Ci tengono a sottolinearlo gli organizzatori di Ardesio Divino. La sedicesima edizione della manifestazione enogastronomica si è svolta sabato 1 e domenica 2 agosto. Nemmeno il Covid ha fermato questa rassegna che negli anni è cresciuta e ha fatto crescere Ardesio. Il centro storico si è trasformato anche questa volta in uno scrigno di sapori. Le bollicine dei produttori di vino, le note della musica dal vivo, gli scorci delle viuzze del centro, lo sfondo delle Orobie. È stato ancora uno spettacolo, anche se con ingressi contingentati e prenotazione obbligatoria per garantire il rispetto delle norme sanitarie. Gli organizzatori hanno fissato a 500 il numero massimo di ingressi per ciascuna delle due giornate (ma il massimo è stato raggiunto solo sabato, mentre domenica i partecipanti sono stati circa 300); le resse degli anni scorsi erano impensabili nel tempo del distanziamento sociale. Ma gli ingredienti principali della manifestazione sono stati tutti confermati. A partire dall’incontro diretto tra produttori di vino e assaggiatori, ancora più stretto grazie alla possibilità di incontrare solo tre persone per volta: un vincolo reso necessario dalle norme sanitarie, che ha rivelato però ulteriori vantaggi. ..

SUL NUMERO IN EDICOLA DA VENERDI’ 7 AGOSTO