Dopo lunghi mesi di polemiche per la presenza di decine di richiedenti asilo nel Centro Diurno Disabili (CDD) di Gandino (e per il provvisorio trasferimento ad Albino dei ragazzi diversamente abili che lo frequentavano), c'è stata una improvvisa e inaspettata svolta.

La consigliera del gruppo di minoranza Manuela Vian, già prima cittadina del vicino Comune di Cazzano Sant'Andrea, spiega quel che è successo.

Alcuni giorni fa, durante l'ultima seduta del Consiglio comunale, il sindaco ha annunciato che a Gandino non ci sono più profughi. Sì, sono stati tutti trasferiti altrove e adesso non ce n'è più nessuno nell'ex CDD. Tra l'altro, non sono andati nemmeno in quegli appartamenti del centro dove sembrava che sarebbero stati trasferiti, evidentemente non è stato trovato l'accordo”….

SUL NUMERO IN EDICOLA DA VENERDI’ 12 GENNAIO