E fra i consiglieri potrebbe scattare la corsa all’accoppiamento

(non pensate male è solo per la doppia preferenza di genere)

Palazzo Lombardia da sei anni è la sede del Governo Lombardo. Voluto da Roberto Formigoni, più alto del Pirellone (ora sede dei gruppi consiliari), nei suoi trentanove piani ospita gli uffici dei diversi assessorati regionali, e l’ultimo piano è occupato da Roberto Maroni, leghista di lungo corso

(già ministro dell’interno e del welfare) che ha cominciato l’attività politica nella sua Varese, come consigliere comunale di opposizione durante la Prima Repubblica.

Maroni si ricandida appoggiato da tutto il centrodestra (AP di Angiolino Alfano compresa) e, per la prima volta dopo tanti anni, nessun rappresentante del capoluogo di regione potrà ambire alla vittoria.

Fuori i milanesi

Per tanti anni Regione Lombardia è stata guidata dal lecchese (ma con il centro degli interessi da tempo ben piantato a Milano) Roberto Formigoni, che sempre però è stato sfidato da milanesi per il centro sinistra. A partire da Diego Masi, braccio destro di Mariotto Segni, passando per Riccardo Sarfatti e Filippo Penati, fino ad arrivare al recente competitor Umberto Ambrosoli, avvocato milanese ora passato a dirigere Banco BPM.

L’unica eccezione è stata quella di Mino Martinazzoli nel 2000, ma dopo tanti anni nella prossima primavera i lombardi si troveranno a scegliere fra tre candidati governatori, di cui nessuno milanese.

Ma l’ulteriore particolarità sta che due dei tre candidati sono bergamaschi!

Due bergamaschi

Di uno, il democratico Giorgio Gori, abbiamo già parlato, l’altro invece è una notizia molto più recente visto che le primarie segrete su piattaforma Rousseau lo hanno sabato scorso incoronato candidato.

Stiamo parlando di Dario Violi, 32enne consigliere regionale uscente, grillino con buoni legami nel mondo dell’artigianato e dell’impresa visto che suo padre è Direttore Generale della LIA (associazione Liberi Imprenditori Associati) e lui stesso ha lavorato nell’associazione prima di essere eletto al Pirellone….

SUL NUMERO IN EDICOLA DA VENERDI’ 1 DICEMBRE