Eccolo il candidato a Presidente della regione del Movimento 5 Stelle. Dario Violi l’ha spuntata. E’ stato designato raccogliendo 793 voti sui 4286 iscritti al Movimento che hanno votato giovedì 23 novembre. Aveva come “concorrenti” nomi forti del Movimento, ben due deputati, tra cui lo stesso “tesoriere” del partito, il bresciano Ferdinando Alberti (l’altro era Massimo De Rosa). Mesi fa avevamo prospettato questo risultato su Araberara. “Infatti, mi avevi indicato come possibile candidato alla Presidenza. Allora sembrava solo una boutade...”. E invece... “E’ il territorio che mi ha eletto. E i candidati erano in ordine alfabetico...”. Come a dire che la V viene molto ma molto dopo la A di Alberti e la D di De Rosa. Ma quella del territorio va spiegata, perché sembra una frase fatta. “In questi cinque anni sono stati dappertutto, sempre presente là dove c’era un problema, mi chiamavano e io mi prendevo a cuore il loro problema, con interrogazioni e segnalazioni in regione. Evidentemente qualcuno se n’è ricordato perché ho avuto voti in tutte le province lombarde. Partivo svantaggiato perché a Milano c’erano ben cinque candidati e Milano pesa. Questa volta ha pesato di più il territorio delle province”. La bergamasca ti ha votato? “Circa 250-300 voti vengono dalla bergamasca, ma anche la Valcamonica”.

I sondaggi, per quel che valgono prima della campagna elettorale che sposterà voti, danno i 5 Stelle al 20%. Maroni sarebbe addirittura al 40-45% e Gori intorno al 30%. Ma i 5 Stelle raccolgono poi il malcontento… “Guarda che non è più così, noi abbiamo proposte dettagliate. Il nostro programma è già pronto, preparato prima della designazione del candidato. E abbiamo raccolto le proposte del territorio. Abbiamo tre punti. 1) lavoro (sostegno alle piccole e medie imprese con fiscalità di vantaggio per le zone come la montagna. Abbiamo destinato 1 milione e mezzo derivato dalle nostre indennità che abbiamo restituito alla Regione per un bando per il minicredito, abbiamo così avviato 300 nuove imprese in Lombardia in un anno e mezzo)….

SUL NUMERO IN EDICOLA DA VENERDI’ 1 DICEMBRE