“Non si vince sempre, a prescindere. Prendo atto dei numeri, che sono netti. Ma il risultato di Orlando, quel 30% in provincia di Bergamo, è quasi un miracolo, visti gli schieramenti in campo”. Antonio Misiani, deputato, già bersaniano al punto da essere stato il “tesoriere” del Pd e poi “giovane turco” con Orlando e Orfini, viene dato, anche dal nostro giornale (vedi ultimo numero del 7 aprile: “Le convenzioni del Pd: vincono Gori, Sanga e Carnevali. Perdono Misiani, Guerini e Gandi”) tra i “perdenti” del risultato delle “convenzioni” del Pd. “Ma il risultato vero sarà quello delle primarie del 30 aprile. Aspettiamo quei numeri”. Ma quelli che contano stavano tutti con il ministro Andrea Orlando, il più forte degli antagonisti di Matteo Renzi per la segreteria nazionale del Pd… Li abbiamo elencati: oltre a te, c’erano il tuo… SU ARABERARA IN EDICOLA DAL 21 APRILE

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna