IN PRIMO PIANO

  • CASTIONE Il sindaco guerriero ferma… l’invasione “Qualsiasi cosa succeda Castione sarà l’ultimo Comune d’Italia ad accogliere profughi” IN PIAZZA CON GLI UMORI E TIMORI DELLA GENTE

    CASTIONE Il sindaco guerriero ferma… l’invasione “Qualsiasi cosa succeda Castione...

  • Spinone – c'è chi dice No L'hotel San Carlo dice no ai profughi

    Spinone – c'è chi dice No L'hotel San Carlo dice no ai profughi

  • lA STORIA - CASTIONE DELLA PRESOLANA E FINO DEL MONTE Kevin, il bambino autistico che la scuola non vuole più

    lA STORIA - CASTIONE DELLA PRESOLANA E FINO DEL MONTE Kevin, il bambino autistico...

  • ALZANO Nel bronx del Serio “Bivacchi di 600 persone, risse, bimbi che piangono, sangue. Ho protestato e mi hanno inseguito”. “La fermata della Teb ha portato qui di tutto, voglio andarmene”

    ALZANO Nel bronx del Serio “Bivacchi di 600 persone, risse, bimbi che piangono,...

Kevin sta giocando a pallone. Francesca, la sua mamma, intanto racconta, racconta una storia di quelle che sembrano uscire da un romanzo che non avresti mai voglia di leggere ma che poi prendono i connotati di una realtà che sa di pugno in faccia, che ti mette davanti un mondo in bianco e nero, di quelli che fanno venire rabbia e brividi. Kevin è nato nel 2007, ha finito la quarta elementare, di cognome fa Tomasoni e vive a Castione con mamma Francesca, che di cognome fa Filosofi. “Kevin è nato 10 anni fa, all’asilo nessun problema, era solo un po’ più avanti degli altri bimbi in alcuni campi, aveva un apprendimento precoce, in prima elementare ci arriva con un giudizio di un bimbo riservato ma che sa già leggere e scrivere qualche parola. I primi giorni tutto bene, poi dopo una settimana ricevo una telefonata dalle insegnanti, io in quel periodo avevo due attività a Boario, mi dicono di andare a scuola perché Kevin è ingestibile, non capisco, mi precipito a scuola e lì, quel giorno, comincia il mio calvario”.

Intanto Francesca le due attività le ha chiuse, il suo tempo è tutto per Kevin: “Quando sono arrivata a scuola ho trovato Kevin fuori di sé, gli occhi sbarrati, correva per la classe, era confuso, continuava a ripetermi che non aveva fatto niente. Non capivo. I primi giorni non era successo niente, aveva studiato l’ambiente, si sentiva bene, in classe con lui c’erano alcuni compagni che aveva dall’asilo, insomma, sembrava andare tutto bene. E la reazione sembrava insensata, al momento l’ho sgridato, gli ho chiesto cosa stesse facendo, che a scuola doveva starci, poi vado a casa ma gli episodi si ripetono sempre più frequenti”.

Francesca capisce che qualcosa non va: “Chiedo un appuntamento a una psicologa, mi suggerisce un ricovero in un centro specialistico per capire bene cosa c’è che non funziona. I tempi sono lunghi ma il giorno del mio compleanno, l’11 novembre, mi chiamano per dirmi che si è liberato un posto, ok, parto, penso a un day hospital e invece una volta là scopro che il ricovero è di una settimana, mi sono sentita persa ma va beh, volevo arrivare sino in fondo e capire, sono rimasta con Kevin per una settimana dove gli hanno fatto tutti gli esami possibili, quiz comportamentali, valutazioni, visite mediche, encefalogramma, qualsiasi cosa, poi il 19 novembre la diagnosi: autismo. Mi crolla il mondo addosso”. ..

SUL NUMERO IN EDICOLA DA VENERDI’ 4 AGOSTO

ALDA MERINI: LE POESIE

Alda Merini
(Milano, 21 marzo 1931 - 1 novembre 2009) è stata una della maggiori poetesse italiane. Scoprite le poesie che ha realizzato per Araberara a questo link.

CARPE DIEM

Piero Bonicelli L’annuncio di carri armati ai confini, non passa lo straniero, dal Piave al Brennero, la storia alla rovescia. A me torna in mente la favola di quel bambino olandese che mettendo il dito nella fessura della diga salvava il paese dal disastro. Appunto, è solo una favola. Ho in memoria il disastro della diga del Gleno. No che non si ferma con un dito, con una diga, con un carro armato un esodo di popoli affamati, illusi, disperati tra...

leggi tutto

BENEDETTA GENTE

(p.b.) Chi è che ha scritto un trattato intitolato “L’estremismo, malattia infantile del comunismo”?. Ah, tale Lenin, non proprio un moderato, che se la prendeva con i “comunisti di sinistra” che teorizzavano il rifiuto di “qualsiasi compromesso”. Adesso che di comunismo non si parla più, resta il termine di “sinistra”. Nella storia dei decenni passati abbiamo assistito (e partecipato) alla gara a chi era più a sinistra e anche oggi per rafforzare le posizioni si usa la definizione di “sinistra-sinistra”,...

leggi tutto

BLOG di Aristea Canini

  • Sperduta ai margini della vita reale. Va bene così, mi piace quando mi mancano le...

  • A ridosso del vuoto, a ridosso di me, a ridosso del vento. Ho abbassato la...

  • Il tempo trascinato nella polvere del mondo. Mi fermo. Lo raccolgo. Non è più perduto....

LA VIGNETTA

La vignetta

VIDEO



IN EDICOLA OGGI

 

BIG BLOG

MARIO BARBONI
 
www.mariobarboni.it
ANGELO CAPELLI
ELENA CARNEVALI
logo PD 40
www.elenacarnevali.it
PIA LOCATELLI
www.pialocatelli.it
JACOPO SCANDELLA
ALESSANDRO SORTE

Pubblicità