IN PRIMO PIANO

  • Araberara, la festa dei 30 anni

    Araberara, la festa dei 30 anni

  • LE NUOVE FRONTIERE DEL LAVORO Da grande farò… l’operatore funebre. Al via al Patronato San Vincenzo due corsi, il necroforo e l’affetto al trasporto di cadavere

    LE NUOVE FRONTIERE DEL LAVORO Da grande farò… l’operatore funebre. Al via al...

  • LA STORIA L’Alpino Massimo da Luzzana a Treviso (250 km in 8 giorni) a piedi per l’adunata… in attesa di attraversare l’isola di Terranova

    LA STORIA L’Alpino Massimo da Luzzana a Treviso (250 km in 8 giorni) a piedi per...

  • SPECIALE GIRO D’ITALIA Il tappone del centenario: “La fatica più sporca addosso alla gente più pulita”. Il papà di Paolo Savoldelli e gli anni ruggenti del ciclismo delle Valli

    SPECIALE GIRO D’ITALIA Il tappone del centenario: “La fatica più sporca addosso...

50 mila passi al giorno per 8 giorni, 250 chilometri macinati per arrivare all’adunata alpina di Treviso, un’impresa per molti ma non per lui, Massimo Bacis, giovanissimo nonno di 58 anni che ormai ha abbracciato da alcuni anni questa passione, il cammino in solitaria. E così, ha deciso di incamminarsi da Luzzana verso Treviso e… SU ARABERARA IN EDICOLA DAL 19 MAGGIO

ALDA MERINI: LE POESIE

Alda Merini
(Milano, 21 marzo 1931 - 1 novembre 2009) è stata una della maggiori poetesse italiane. Scoprite le poesie che ha realizzato per Araberara a questo link.

CARPE DIEM

Mattia racconta al suo compagno di scuola (e di calcio), quinta elementare, del mercoledì delle ceneri, “che si chiama così perché ti mettono un po’ di cenere sui capelli”. Karim, di famiglia musulmana, non capisce, la cenere sui capelli, perché te l’hanno messa? Mattia non sa rispondere, papà, perché mettono la cenere sui capelli? “Per ricordare a tutti che eravamo niente prima e torneremo ad essere niente, cenere, dopo la morte. E per farci abbassare la cresta...”. Ridono. Nessuno dei...

leggi tutto

BENEDETTA GENTE

(p.b.) Racconta Plutarco (o era Cornelio Nepote?) che Aristide, grande politico ateniese ai tempi di Temistocle, il giorno in cui la folla, chiamata nell’Agorà, stava decretandogli l’ostracismo, si vide avvicinare da uno che gli chiese, visto che lui non sapeva scrivere, se glielo scriveva lui sulla tavoletta di coccio il nome di Aristide. E lui: “Ma tu lo conosci questo Aristide?”. “No”, gli rispose quello. “E perché vuoi mandarlo in esilio?. “Ma perché sono stanco di sentire in ogni angolo...

leggi tutto

BLOG di Aristea Canini

  • Il tempo trascinato nella polvere del mondo. Mi fermo. Lo raccolgo. Non è più perduto....

  • Ascolto parole misurate. Riti preparati. Gesti studiati. Ma io cerco altro. Sono per le cose...

  • Ci sono quadri di cielo che mi accolgono in viaggi improbabili dentro me. Ogni giorno...

LA VIGNETTA

La vignetta

VIDEO



IN EDICOLA OGGI

 

BIG BLOG

MARIO BARBONI
 
www.mariobarboni.it
ANGELO CAPELLI
ELENA CARNEVALI
logo PD 40
www.elenacarnevali.it
PIA LOCATELLI
www.pialocatelli.it
JACOPO SCANDELLA
ALESSANDRO SORTE

Pubblicità